Molto meglio così…

IMG-20141022-02465

servono mani e piedi. Prima però serve altro…

Il gusto delle cose quando sono vere è che sono vere, non come quando ti dicevi un mucchio di stupidaggini convinto che fosse la realtà, ma c’è di più: le cose che hanno senso le vedi che infatti determinano avvenimenti, conseguenze, le puoi misurare, mentre gli slanci senza corpo, le ipotesi senza futuro, i sogni campati nel vento vedi che restano vento, quando non determinano caos, effetti paradossali, disagio, però c’è anche qualcosa ancora, che è alzare la testa, un giorno, e trovarsi dove dovevi stare, non in quell’altro posto dove eri quando ci pensavi, dunque anche il tuo corpo si è mosso, non solo bite, ma atomi, cioè la verità sposta il corpo, e non il contrario, e quando tutto diventa fisico, in tempi umani, tu puoi finalmente concederti un bel sorriso, non come quei sorrisetti nervosi che facevi, apri gli occhi e sorridi, anzi, ridi, cominci a sganasciarti addirittura, ti rotoli per terra, ridi a crepapelle, che ti fa male la pancia, perché ti accorgi che era tutto così semplice, un passo segue l’altro, stando nel proprio, o con escursioni su ciò che già sei, ma non ancora, senza lanciarsi dove proprio non ci sei, anche se lo desideri, roba tua insomma, che tanto lo sai qual è non è vero?! ecco, appunto, il problema è quello, non lo sai, immagini cose, provi a casaccio, ma non lo sai, l’unica cosa che dovresti sapere, da sempre, l’unica a cui dovresti pensare da anni, l’unica, cioè cosa ti riguarda, cosa davvero devi fare, non la sai, hai evitato di fermarti un attimo, da sempre, di pensarci, di chiedertelo per paura di non saperti dare una risposta, e quindi ecco da dove veniva la frenesia, da dove vengono le ansie, le bugie, i progetti complicati, che non stanno in piedi, che non sono niente e generano terremoti, dalle domande non fatte, dalle risposte mai cercate, tutto un groviglio per non ammettere che sei dove non dovresti, e non sai dove devi andare, e meno male che non sai come si sta quando apri gli occhi e sei dove si sta, meno male che il posto non è quello giusto, perché sarebbe troppo, meglio così.

Share Button

14 thoughts on “Molto meglio così…

  1. Sono ancora dove non dovrei, ma muovo piccoli passi verso dove ‘sento’ sia giusto essere. Andiamo…

  2. “La gente adesso ha la possibilità di essere libera, ma la libertà non ha contenuto. E’ come un vuoto fatto di urla”.

  3. Un giorno spero di raggiungere Mediterranea e tutti voi, allora anch’io mi sganascero’ dalle risate e saro’ dove devo essere.

  4. Sarebbe tutti bello se ti porgeresti 2 domande

    1 – Chi sei veramente
    2 – Da dove provieni

    piccolo suggerimento : Credi veramente di essere il tuo corpo, la tua mente , i tuoi pensieri e le tue emozioni ?

    • sì holy. io sono le mie emozioni. l’unica piccola certezza che ho… perché tu no?!

      • Io per il momento sono le “tue” emozioni…ma sto lavorando alacremente anche sulle mie. Grazie! Ciao!

      • Il discorso è molto complesso per il fatto che quello che potrei dirti andrebbe contro tutte le religioni, contro la logica sociale, contro la razionalità insomma , contro il Sistema.
        Eppure sarebbe cosi’ semplice, capire che noi siamo solamente Coscienza Infinita , Infinita consapevolezza che va al di là dei 5 sensi ed esistiamo in diverse dimensioni.. Insomma , noi siamo ANIME IMMORTALI che facciamo solo un percorso di esperienza in questo Mondo fisico (ma in realtà noi non saremmo DI questo Mondo fisico).

        Il consiglio e’ quello di buttare via tutte le ansie e tutte le paure e smarrimenti poichè sappi che anche se non ne senti parlare nei media convenzionali è in atto un grandissimo cambiamento planetario e uno straordinario risveglio delle coscienze collettive e che farà crollare il sistema attuale materialista , schiavizzante e guerrafondaio!!!

        Se vuoi partecipare puoi iniziarti a informare qui…
        Anche un piccolo lavoro personale su se stessi puo’ essere un aiuto per gli altri

        http://www.coscienzanuova.net

          • prego non c è di che.

            Personalmente molto utili per la causa è risultata anche la trilogia di Salvatore Brizzi:
            1- Officina Alchemica
            2 – Risveglio
            3 – La porta del Mago.
            Li puoi trovare anche in formato ebook a pochi euro l’ uno.
            Sono molto semplici e diretti come esposizione.
            Ciao

    • abbiamo svuotato la barca e l’abbiamo derattizzata. il topo scomparso. credo sia andato a morire fuori bordo… comunque risolto

  5. Tutto vero sono d’accordo con te … sono le stesse frasi che mi dico da anni, con l’unica differenza che tu le dici meglio:), una vera fucilata nel mio povero petto! Ma io le domande me le faccio e cerco anche le risposte, mi sono anche fermata, ho guardato dentro di me e a volte guardare la realtà mi ha fatto male. Alcune risposte le ho trovate ma in realtà non so in che direzione andare e cosa voglio e mi mortifico perchè se ho la consapevolezza necessaria allora mi chiedo perchè non scelgo!!

    Grazie Isa.

  6. Caro Simone, il tuo scritto evidenzia che tutti noi dovremmo essere chiamati a: 1) sapere abbastanza chi siamo 2)avere una minima idea di dove voler essere o andare.
    Il vivere appieno consiste nel fare questi due passi che determinano un cammino. Non tanto per dare risposte certe e definitive ma per cercare, cercare, cercare ed evolvere come essere umano che mette in gioco le sue qualità migliori.

  7. Vero. Io come te sono ora dove dovevo essere. Ed è’ iniziata la vita. Per fortuna, e per determinazione, coraggio e scelta. Grande simone ! Il vostro percorso come procede ? Un abbraccio….

Comments are closed.