10

A Palazzo Mezzanotte. Forse 13 anni fa… credo…

Oggi sono dieci, tondi tondi. Proprio oggi, alle 11.30 circa, dieci anni fa, uscivo da quel portone in Via Moscova (MI). Dieci anni rubati a ciò che per me non aveva (più) senso, a vantaggio di un senso che dovevo ancora trovare. Ma dieci anni di vita, la mia.

In questi dieci anni ho ristrutturato un fienile antico, casa mia, scritto e pubblicato nove libri tra saggi e romanzi, ho scritto e condotto un programma televisivo, ho fondato Progetto Mediterranea, ho fatto interviste, navigato, ho realizzato una cinquantina di sculture, le ho vendute quasi tutte. Ho viaggiato per oltre 18.000 miglia nel mio Mediterraneo, nei mari tropicali, in Atlantico, dovunque. Ho perduto tempo. Per vivere ho riparato, autocostruito, autoprodotto. Ho fatto la guida turistica, gli apertitivi in un bar, ho trasferito barche, fatto lo skipper, lavato barche, le ho aggiustate, ma tante tante cose le ho fatte gratis, finalmente. Soprattutto, non sono morto di fame, sono ancora vivo, e non ho cambiato di una virgola la mia rotta. Ho fatto errori anche gravi, ho fatto mente locale su come non rifarne. Sono riuscito a raggiungere obiettivi esistenziali importanti. Ho ricevuto centinaia di migliaia di lettere, ho risposto direi a tutti, uno per uno. Sono intervenuto su molte questioni, cercando di dare il mio contributo. Ho studiato, finalmente, e non solo i pirati, ma tanti argomenti che mi dolevo di non approfondire, conoscere, mi dolevo di non viverne.

Come ogni uomo, sono vissuto, e sono molto cresciuto. Ieri sera mi è parso di poter dire che sono diventato un uomo molto più libero, sotto tutti i punti di vista, anche se ce n’è voluta tanta. Dieci anni, qualunque cosa sia, dieci anni che non torneranno. Com’è andata è andata.

Dunque, oggi, è il primo giorno del prossimo decennio. Allora non ci pensavo a questo. Cosa farò i prossimi dieci anni, quelli che stanno cominciando oggi? E voi, che farete?

Share Button

Un’Altra Vita (reloaded)

Una delle scene del programma

Quando il tempo passa, le cose di solito invecchiano. Una foto che ci piaceva tanto, un video di cui eravamo fieri, a volte perfino un romanzo scritto con orgoglio, li rivedi, li rileggi, e li trovi datati, stanchi, non più così brillanti come ti erano rimasti in mente. A volte dispiace, ma è un bene. Vuol dire che siamo andati avanti, che il mondo è cambiato, si è evoluto.

Qualche giorno fa ho rivisto tutte le puntate di Un’Altra Vita, il programma che ho scritto con Nicola Alvau e condotto su Rai5 nel 2012, 6 anni fa. Anna Maria Fiore, un’ascoltatrice di quel programma, le aveva registrate e le ha caricate su Youtube. Finalmente! Una gioia immensa per me, visto che la Rai le aveva inopinatamente tolte dal sito e non se ne trovava più una copia. Già un amico me le aveva date, su cd, ma solo 5 su 6. Ora ci sono nuovamente tutte, anche qui sul sito.

Con mia enorme sorpresa, quel programma non è affatto invecchiato. Anzi, sembra realizzato oggi. I temi, l’approccio, i riferimenti, sono ancora freschi, attuali, validissimi. Parlavo in ogni puntata di un aspetto connesso al cambiamento di vita. Gli stessi di cui parlerei oggi se mi interpellassero sul tema: sogno, coraggio, paura, solitudine, manualità, denaro. Anche le possibili reazioni di fronte a questi argomenti, direi, sono le stesse. Purtroppo

La sempiterna “validità” di un contributo culturale, che potrebbe inorgoglire erroneamente l’autore, temo tuttavia che non sia una buona notizia. Il fatto è che siamo ancora (e sempre più) messi così…

Share Button

“Atlante…” su Rai1

I miei viaggi e le mie isole del Mediterraneo ieri su Rai 1.

Dal minuto 5′.29″

http://www.raiplay.it/video/2017/12/Il-caffe-di-Raiuno-bbb5fb56-3e99-4346-ba98-54d6e2d7614e.html

Share Button

Non vorrei che…

Uscire dal porto…

Non vorrei che in questi giorni di “quiete” avessimo perduto tempo. Non vorrei che domani, ricominciando come ogni gennaio la vita consueta, non avessimo almeno un quarto della mente e del cuore che vola a un progetto da realizzare presto, il prima possibile, per cambiare ciò che non va nelle nostre vite. Non vorrei che al grande sogno di quella cosa bellissima, che quando la facciamo ci balla il cuore, avessimo rinunciato, o la relegassimo nei piccoli, minuti, esangui ritagli del tempo che non c’è. Non vorrei che ci apprestassimo, domani, salendo in autobus, o sulla metropolitana, o in macchina, a vivere il nostro amore, quella nostra amicizia, la nostra famiglia, nostra madre che morirà, l’amico che sta per partire, esattamente come abbiamo sempre fatto, cioè male, togliendo tempo alle persone importanti per darne a cose che non contano granché. Non vorrei che domani, entrando nel solito quotidiano bar, provassimo la sensazione di nausea, e che a quella nausea non potessimo opporre un piano, un disegno, la foto di un luogo che ci aspetta, di un mare amato su cui presto, dobbiamo sperarlo, navigheremo. Non vorrei che ci ritrovassimo già prima delle 10.00 a battagliare sull’inutile, a masticare l’amaro di sempre, a ricacciare in pancia l’acido della mancata digestione dell’indigeribile, l’indigesto rosario delle nostre pene a cui, ancora una volta, per un nuovo prezioso anno, non abbiamo saputo trovare lenitivi.

Non vorrei, insomma, che il tempo ci ritrovasse impreparati, spreconi, e dunque ridesse di noi mentre corre per le praterie della nostra vita rubando e spingendo e beffandosi della libertà che noi pensiamo di dover conquistare, ma che avremmo già: basterebbe scegliere. O almeno apprestarsi-ad-iniziare-a-farlo. O almeno, ferocemente, tenerla sempre a mente.

Share Button