Definisci uomo

Risultati immagini per ponte morandi

A un passo dal baratro

Crollano i ponti, le opere dell’uomo. Crollano i valori, l’unica àncora di salvezza di una vita dignitosa. Chi ha speculato sui naufraghi per avere consenso, ora rinnega le dichiarazioni sui ponti (“la favoletta del crollo del ponte Morandi”), le fa scomparire dai blog e chiama sciacalli chi gliele ricorda, per non perdere quello stesso consenso. Chissà se riflette sulla sua ridicola esistenza. Che vite sono quelle che danzano su questi pezzi di vetro? E chi vi inneggia, che piccola donna, che piccolo uomo è?

Pare che ogni cosa, ogni parola, ogni gesto di questa contemporaneità sia fatto ad arte per spingerci via, in qualche eremo, dovunque purché lontano da qui. I cani randagi famelici di ossa nude invadono le strade che noi, sempre più, prima o dopo, dovremo abbandonare. È giusto farlo? È inevitabile? Persino vivere diversamente, perfino testimoniare sembra inutile. Oppure no…?!

Ferragosto diverso. Io almeno lo percepisco così. Ero solo meno attento, meno sensibile, quando lo vivevo con leggerezza? Oppure qualcosa è cambiato? Saturo io, saturo il mondo? Come si dice…: “quando qualcuno cambia, sostiene che tutto è cambiato”. Chi lo sa. Difficile fare programmi. Che qui, in questo metro quadrato, il volume sia pieno solo di poesia, non è sufficiente a impedire la visione del caos.

Partire. Per dove, chissà. Non si fa così quando il nostro mondo sembra preda della follia? Eppure ad avere le forza di scendere in strada, si potrebbe tentare di prendere un uomo alla volta, una donna alla volta… Basterebbe? Forse no. E che immane fatica. Un sacrificio senza fine. Per poi dover ammettere l’inevitabile: nati per morire, con questa unica inconsapevole certezza, siamo esseri programmati per l’autodistruzione. Dunque a che serve?

A noi, suppongo… Ma non per sventolare bandiere di speranza. Solo per stare al mondo, per restare in piedi. Solo perché è umano. Chiunque, programmato per morire, ha dentro l’insana tendenza a sopravvivere. L’inutile speranza, l’insopprimibile utopia. Salpare, comunque, anche quando si scopre che l’orizzonte non è la linea di un arrivo, ma un’impressione ottica che avanza alla velocità stessa della vela. Costruire, comunque, anche a poche ore dalla fine, così facciamo noi, inevitabilmente, anche quando è certo che non c’è più tempo, che non servirà a niente. Quello che ci definisce… uomini.

Share Button

3 thoughts on “Definisci uomo

  1. Per me, succede. Non si può prevedere tutto e con tutta la buona volontà del mondo è impossibile prevedere crolli, terremoti, eruzioni. Il male più grande in questo caso sono gli sciacalli di turno e i cronisti buonisti acchiappa audience.
    Una vera domanda potrebbe essere: è davvero cos8 impellente il bisogno dell’uomo di costruzioni ardite? Di grattacieli? Di andare a 150 all’ora in autostrada? Dove ci può essere errore umano bisogna andare cauti, ma no, non mi sento di criticare Morandi né il progetto,quanto piuttosto gli sciacalli e i faciloni.

  2. la reagedia di genova è la riprova(se mai ci fosse stato bisogno)che dobbiamo adottare uno stile di vita piu semplice. possiamo fare tutte le strade e tutti i ponti che vogliamo, ma se non cambiamo le nostre vite non basteranno mai

  3. Questi disastri sono semplicemente il risultato di un fallimento politico e sociale della nostra italietta. Pensiamo solamente ad appalti, abusivismo, mascalzonate di ogni genere e tipo soprattutto a livello personale.
    Che fare? Occorrerebbe ripartire con competenza, onestà intellettuale e soprattutto con dignità, valori ormai sconosciuti a molti.
    Tutto il resto è noia all’ennesima potenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *