Tanto mare

Gennaker a Castellamare. L’istante prima che…

In queste settimane, e prima da maggio, ho navigato in Atlantico e per per mezzo Mediterraneo. Portogallo, Spagna esterna, Mare di Alboran, Bacino Algerino-Provenzale, Canale di Sardegna, Canale di Sicilia, Tirreno Meridionale. Mal contate, trecentocinquanta miglia in oceano e milleduecento dentro Gibilterra. Ho incontrato tanta gente, a bordo e sul molo. Sono vissuto nei porti, nelle rade solitarie, nei canali dove il vento accelera, dove si narrano storie che… Corto Maltese, Giasone, Ulisse, Attilio Regolo, Andrea Doria, Colombo, Caboto, Dragut Rais, Curtogoli, Occhialì, Nino Bixio, Garibaldi, Diaz, Magellano, Da Gama, Vespucci, Verrazzano, sempre nella mente, e con loro infiniti altri maestri del viaggio per mare. Ho navigato con l’umiltà di cui sono stato capace, e con il garbo che si deve a una vecchia e nobile barca, a un antico mare. Non ho preso rischi inutili, e quelli che ho assunto erano commisurati al motivo e ai mezzi che avevo per affrontarli. Ho dovuto risolvere problemi, qualche volta tenere duro per la stanchezza o il disagio. Ho riso tanto, parlato e ascoltato tanto, e mi pare che, come sempre, il mare mi abbia insegnato molto di più, senza neppure dire una parola. Tra noi il bilancio è sempre a mio debito.

Ho visto l’Africa, la Spagna andalusa, la Catalogna delle Baleari, la Sardegna genovese, la Genova tunisina, il Maghreb, la Sicilia occidentale del tonno e dei Cartaginesi. In molti tratti ho “visto”, e dovunque, come al solito, ho immaginato. Il mare è causa di visioni, prefigurazioni. In nessun luogo come sul mare si vede bene la terraferma e vengono a galla i progetti, si delineano a mente le soluzioni possibili. Soluzioni che hanno quasi sempre a che fare con ciò di cui ha bisogno l’anima per fare un passo ancora. Verso dove, non è dato saperlo. Direi là, o là, dove deve.

Ho vissuto l’ebbrezza, quella che ti fa trasalire, ti fa dire parole importanti. Pensare cose grosse. L’ho condivisa, l’ebbrezza, con gli “amici per un’ora” e gli “amici di sempre”, e a distanza anche con gli altri, quelli che vorrei sempre a bordo, e che invece non ci sono mai. Ho danzato in mare aperto, di notte, ho cucinato tanto, alcune cose buonissime, ho pescato, sfilettato, impanato, fritto, saltato. Da Lisbona a Palermo ho disegnato una linea spezzata a forma di onda, che scende, poi risale, poi scende, poi…

La #rottasugenova prosegue. Il tenace viaggio della #barcaparlante va avanti. Il mare ci aspetta, sempre, purché siamo in grado di attendere che apra le braccia. Il grande amore è lui. Quello che, finito tutto, sta sempre, ancora, ancora e ancora lì.
Resta da capire dove siamo noi…

#progettomediterranea
#mediterranea
#rottasugenova
#tuttalavitacosi

Share Button

3 thoughts on “Tanto mare

  1. ti faccio tanti complimenti per il tuo stile di vita simone, e ti auguro di continuare cosi per altri 100 anni; io però ho capito che non mi sento ancora pronto per cambiare vita, ho riscoperto il piacere del tram tram quotidiano: il lavoro, le tre volte alla settimana in palestra, le compere al sabato, un bel giro in macchina alla domenica, e cosi via. lo so che rischio di ritrovarmi a 70 anni pieno di rimpianti, però poi penso anche, “ma se questa vita poi mi manca, come faccio”. in effetti è un bel dilemma esistenziale sai. comunque, anche se ormai ho 51 anni non mi sento assolutamente vecchio, forse posso ancora prendermi qualche altro anno prima di decidere cosa fare, staremo a vedere

    • Ma caro, nessuno ha la ricetta. Se tu stai bene così, che bello che lo posa fare! Io farei solo una considerazione sul costo sociale, sull’impatto che la nostra vita ha sul mondo e sugli altri, e a quello starei attento. Ma poi, detto questo, se tu hai trovato il tuo equilibrio consapevole, tutto funziona, e devi vivere così. Non c’è formula. Solo consapevolezza e responsabilità. Buon vento!

      • grazie simone, in effetti ultimamente le cose stanno andando bene; dove lavoro è andato in pensione il vecchio principale ed è stato sostituito dal figlio, che ha un carattere diverso da suo padre(una bravissima persona, non mi fraintendere). oltre a questo, da fine giugno ho ricominciato ad andare in palestra dove, tra le altre cose, ho conosciuto 2 belle ragazze; magari viene fuori qualcosa di interessante, anche se loro sono molto piu giovani di me; staremo a vedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.