Su quel meraviglioso e velocissimo mouse…

C’è la questione che io coi libri ci vivo, ci compro direttamente la farina per fare il pane e la pasta, cosa che tra l’altro trovo sacrosanta: un mago deve vivere delle sue illusioni, un pittore delle sue visioni, un santo dei suoi miracoli, un guerriero del suo coraggio, solo se vivi di quello che sei diventi quello che fai, e così finisce che lo fai davvero, totalmente, disperatamente, inflessibilmente, diventi un missionario, se vogliamo un martire della tua stessa vita, e in questo c’è qualcosa di sacro, o forse è tutta una cazzata, non lo so, ci devo pensare, anche perché parallelamente c’è un problemino mica da ridere, cioè la storia che i giornali non li legge più nessuno, o quasi, e che da Fazio e dalla Gruber invitano solo i loro amici (cosa che convintamente approvo, fossi al loro posto inviterei Lollo, Sandro, Lorenzo, Peppe, Renato, Massimo, Francesca, ovviamente, mica Ferruccio, Paolo, Beppe etc, che pure conosco, vabbè, Marianna la inviterei sì, lei è caruccia…), ad ogni modo, sic stantibus rebus… i libri devo farli circolare e conoscere da solo, che poi se nessuno li conosce non muoio eh, sia chiaro, mi devo solo inventare qualcos’altro, “ma Simone tu scrivi un libro all’anno, uno non fa a tempo a leggere!”, ma ché a Simenon qualcuno gli ha mai imputato di essere troppo prolifico? ché creare, costruire, inventare, proporre è un problema quantitativo? lui però (Simenon) usava un mucchio di pseudonimi, ci devo pensare, come mi potrei chiamare? Luther Perrots? Perrot X? insomma, ragazzi, la faccenda è bella complessa, dunque fate così, prima ancora di capire di cosa sto parlando mettete il vostro bel ditino liscio e delicato e benedetto e puro (insomma…) su quel meraviglioso e velocissimo mouse che brandite come se fosse la spada di Damocle o la torcia olimpica o il puntatore di un sistema balistico intercontinentale e… scrivete, condividete, prenotate, cioè aiutatemi a fare ciò che i canali ufficiali fanno e faranno sempre meno, perché “Perotti era bello, quasi naif, fino a che non rompeva troppo i coglioni”, ma ora sta forse esagerando… (che, per inciso, non è affatto vero, non sto affatto esagerando, anzi, sono diventato “un lupino tanto buonino”… Tsz!) vabbè… in una parola: datemi una mano, io in cambio vi do un libro, voi a darmi una mano ci mettete un attimo, io a scrivere un libro anni, mi pare un accordo super-equo, no?

Comunque, fate come credete.
Qui di seguito, senza preferenze per nessuno, eccovi le principali piattaforme per prenotare “I momenti buoni” che esce il 26 gennaio:

AmazonMondadoriFeltrinelliIBS

Share Button

8 pensieri su “Su quel meraviglioso e velocissimo mouse…

  1. Ma certo che si , Simone, speriamo anche che il titolo porti fortuna per questo nuovo anno appena iniziato….
    libro prenotato , ma non on line , troppo facile e freddo; in libreria , anzi in una nuova libreria appena aperta da una ragazza che ha lasciato l’azienda e’ ha aperto aderendo ad un franchising …… cosi’ la ho anche istruita sull’autore che non conosceva , le ho consigliato di leggersi Adesso basta che in qualche maniera la riguarda direttamente e le ho proposto di creare un angolo completo con le tue opere per il lancio del nuovo romanzo per fare cross selling 🙂
    come vedi sono il 13esimo apostolo ….. ” andate e diffondete il verbo”! 🙂
    un caro saluto,
    mf

    • Eccolo lì. Vedi quel che dico? Recentemente ho aiutato una persona meritevole pressoché nello stesso modo. Io credo fortemente nella creazione di una lobby di costruttori, la famosa elite di cui ho già parlato e di cui devo tornare a parlare. Molto utile, interessante e buono tutto questo. Grazie di cuore. Ma non tanto o solo per il dono che mi fai, ma perché fare quel che hai fatto implica costruzione, volontà, fiducia che i gesti servano, a quella ragazza, a me, ai lettori, a te. E questo ottimismo della volontà su questioni sapide e di contenuti, ci salverà.
      Ciao!

  2. Buongiorno Simone,
    acquisterò senz’altro “I momenti buoni” e grazie degli spunti di riflessione che ci offri.
    Ricordo che il libro è acquistabile con il bonus cultura e che ci sono tanti ragazzi che non lo hanno utilizzato completamente, a causa del Covid; i nati nel 2001, maggiorenni nel 2019, privati delle lezioni in presenza nel 2020, possono spendere la somma entro il 28 febbraio 2021 e hanno ancora capienza di spesa (non hanno comprato libri di testo sostituiti da lezioni on line, niente concerti, spettacoli teatrali, musical).
    E’ un invito a trovare questi ragazzi, sia come sostenitori che come lettori.
    Grazie e in bocca al lupo.

  3. Ciao Simone, come ho già scritto il tuo sarà il prossimo e primo acquisto in libreria dell’anno, oggi mi sono annotata anche l’ultimo di Travaglio ospite in collegamento in un programma pomeridiano su Rai 1.
    Eppure io ti ci vedrei bene come ospite in qualche programma radiofonico e televisivo a promuovere il tuo libro, è così interessante sentirti parlare, e dato il tuo passato professionale hai anche i tempi giusti per farlo.
    Non sono sui social ma ogni tanto mi piace condividere sul mio stato di whatsapp i libri che mi sono particolarmente piaciuti.
    Buon 2021!

I commenti sono chiusi.