Da Gino Strada, dalla sua azione, ho imparato

Ai margini del campo profughi del Darfour, dove siamo andati a visionare la situazione

In Sudan sono stato perché mio cugino fu assunto come logista volontario in Emergency e andò per molti mesi a Khartoum. Andai a trovarlo, naturalmente, e conobbi lì, toccandolo con mano, quel che faceva l’associazione di Gino Strada. Poi ne scrissi anche, sul Fatto Quotidiano e sul mio blog.
Mi colpirono tante cose. Ma una di più delle altre: dovunque mi girassi per la città c’erano SUV bianchi delle Nazioni Unite, puliti, perfetti, nuovi, in un posto dove di nuovo e perfetto non c’era niente, nemmeno l’aria. Rimasi impressionato.
C’erano tutti, qualunque sigla con davanti le lettere “UN”, nazioni unite. Mi spiegarono che quel Paese era un buon trampolino di lancio anche per le carriere diplomatiche di vario genere. Una specie di gavetta, di campo base, per i giovani rampolli di belle speranze.
C’erano tanti soldi che giravano, evidentemente. E me ne accorsi soprattutto quando ci invitarono (chissà perché) a una festa,in una villa di un’ambasciata. Un’ora di fila indiana per tutti i SUV, tutti da controllare uno a uno con gli specchi sotto la macchina, i cani, per essere certi che non avessero esplosivi applicati e nascosti da qualche parte. Dentro, a dispetto del clima e della desolazione circostanti, prato all’inglese, buffet, alberi, alcolici che scorrevano impetuosi (in un paese in cui l’alcool è proibito).
Mi spiegarono che il campo profughi del Darfour, che vedete nelle foto “rubate” (andammo a visitarlo solo perché “eravamo” di Emergency, accompagnati da loro, altrimenti entrare in quel campo sarebbe stato troppo pericoloso) era così da vent’anni e oltre, e che il denaro stanziato ogni anno (una ventina di miliardi di vecchie lire) per rimpatriare quelle povere persone, non si sa dove finisse. Forse a tenere in piedi le grandi strutture dell’ONU, uffici, scrivanie, carriere. E feste.
Poi però c’era Emergency, che quei denari non prendeva. E anzi, che era sempre al limite per trovare quelli che gli servivano a operare. Anche perché oltre all’ospedale nel campo profughi (ultimo baluardo rimasto a occuparsi dei dannati della terra), l’associazione di Gino Strada aveva appena aperto un centro ospedaliero d’eccellenza per le malattie cardiache (una delle foto sotto). Un posto meraviglioso. Gino Strada lo aveva voluto non solo funzionale al bisogno, ma anche bellissimo e attrezzatissimo. La sua filosofia era quella del fare ma anche del testimoniare: “Perché in Sudan devono accontentarsi di un piccolo ospedale che fa quello che può? Perché non devono avere il meglio, le sale migliori, le macchine più avanzate, e fuori giardini verdi, panchine all’ombra, esattamente come noi?”.
Imparai molto da quello che vidi e dalle parole che ascoltai. Imparai che non basta fare. Bisogna anche fare politica, cioè testimoniare. E bisogna mirare alto, fare cose emblematiche, provocare, se necessario, per incidere non solo con quello che si fa, ma anche con significati e concetti taglienti come bisturi.
Imparai soprattutto che si poteva andare controcorrente, pensarla diversamente, fare diversamente, parlare diversamente. In ogni caso: fare e raccontare. Fare cose grosse, diverse, controcorrente, e poi parlare diversamente, con parole nuove, nuovo coraggio, nuova visione.
Ecco perché sono così triste della scomparsa di Gino Strada, ma al contempo molto sereno sulla sua eredità ideale, intellettuale, valoriale, dunque operativa ma anche politica. Uomini e donne come lui lasciano orme profonde. E quando ci sono le orme, basta seguirle, la strada è aperta, basta incamminarsi. E non “facendo come lui” necessariamente. Ma comportandosi secondo la sua ispirazione. Ognuno a suo modo, ognuno con i suoi mezzi e le sue gambe, ma tutti nella stessa direzione.

Qui ho fotografato il campo profughi del Darfour. Un inferno tra i viventi…

Share Button

8 pensieri su “Da Gino Strada, dalla sua azione, ho imparato

  1. Ricordiamo pure i 91 anni di Liliana Segre, una donna che con le sue testimonianze, ci ha raccontato l’orrore dei campi di sterminio e della guerra. Non dimentichiamoci mai.

  2. Leggendo la tua testimonianza capisco meglio che dire che in questa epoca stanno venendo alla luce grandissime bugie che fin’ora avevamo creduto verità, che stanno cadendo molte maschere perchè ora siamo un pò più capaci di discernere il vero dal falso, non corrisponderà necessariamente a cambiare l’impostazione del mondo.
    Semplicemente perchè, tante cose, tanti abomini erano già stati evidenziati, documentati, resi noti attraverso i mezzi di informazione di cui praticamente tutti noi siamo fruitori, da anni e decenni. Eppure, nulla o quasi è cambiato (penso che, purtroppo, quelle feste di cui parli, si ripetano ancora oggi).
    Sarà perchè non ci siamo scandalizzati abbastanza? Perchè tanto, in situazioni più che catastrofiche, noi non c’eravamo? Perchè fa sempre comodo pensare che magari non fosse tutto vero? O semplicemente (e tragicamente) perchè non siamo più veramente umani? Perchè, se non siamo in grado di reagire concretamente di fronte a realtà come quelle che descrivi, significa che la nostra capacità di indignazione, il nostro senso della giustizia e quello che ci permette di renderci conto che qualunque cosa si ripercuote su tutti, prima o poi, allora vuol dire che queste capacità ce le siamo fatte scippare in qualche momento della nostra storia umana, individualmente e collettivamente. Vuol dire che, tranne rare eccezioni, non possiamo più dirci veramente umani. Infatti, in giro, ne vedo tanti di automi, di scatole senza contenuto e che sanno solo prendere ordini.
    Nonostante queste dure considerazioni, ti garantisco che non sono facile ai pessimismi e continuo a sperare che prima o poi, un asteroide o qualcosa di simile, colpisca questo pianeta con tale forza da provocare in noi la scossa necessaria per accendere il risveglio da questo torpore surreale.

    • eh già: abbiamo consentito tutto. Ecco perché chi oggi si indigna sotto emergenza mi fa solo sorridere. Sarebbe come vivere anni in un campo di sterminio e un giorno indignarsi e sbroccare perché c’è uno scarafaggio nel piatto.

  3. Possedeva una grande capacità di comunicazione ed era in grado di ascoltare intelligentemente.
    Non l’ ho mai sentito alzare la voce o perder le staffe pur essendo convinto delle sue convinzioni.
    Il resto lo testimoniano le sue innumerevoli opere compiute per il mondo in zone di estrema difficoltà.
    Un uomo che ha lavorato per un mondo migliore.

  4. quando parlava non ero daccotdo con tutto quello che diceva, ma riconosco che era un grande uomo, che ha fatto del bene, e che se ce ne fossero tanti altri come lui il mondo sarebbe un posto migliore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.